Dipendenza da caffeina: mito o realtà?

Uno studio (Dipendenza da caffeina) ha confermato che:

  • Più della metà della popolazione adulta negli Stati Uniti consuma almeno 300 mg di caffeina al giorno, rendendola la droga numero uno in America.
  • Eppure, se il caffè crea dipendenza è un punto importante di contesa per molti medici esperti.
  • Un recente sondaggio ha rivelato che solo il 58% dei professionisti delle dipendenze ritiene che una persona possa sviluppare una dipendenza dalla caffeina.

Adoro l'odore del caffè appena preparato al mattino, infatti direi che non posso affrontare la giornata senza quella dose di caffeina. Quando sono in ritardo, metto il mio caffè su una tazza per bere mentre vado al lavoro. Tuttavia non penso a me stesso come un tossicodipendente della caffeina, sto solo negando?

La dipendenza da caffeina è un vero problema? Quali problemi di salute possono causare troppa caffeina? Quali sono i sintomi di astinenza? E infine, questo articolo vedrà come possiamo ridurre la nostra caffeina e prevenire la dipendenza.


Caffeina: lo stimolante numero uno del mondo

Con l'aumento della popolarità delle bevande energetiche a base di caffeina e delle caffetterie alla moda, la caffeina è vista da molti come la cosa più piccante dal rock and roll. Gli hipster alla moda che servono il caffè non sono più conosciuti come camerieri, ma ora sono chiamati baristi.

Solo di recente Robbie Williams, una delle più grandi rockstar della Gran Bretagna, ha prenotato la riabilitazione con una dipendenza da caffeina, sostenendo che spesso ha abbattuto 36 doppi espressi al giorno insieme a 20 Red Bull! Sto avendo palpitazioni solo a pensarci! 

La caffeina viene spesso indicata come la droga più usata al mondo. Negli Stati Uniti, il 90% degli adulti lo usa regolarmente con un consumo medio di oltre 200 mg di caffeina al giorno. Non sono solo gli adulti a consumare troppa caffeina: è anche presente in molte bibite a cui i tuoi figli potrebbero essere dipendenti.

La caffeina si trova nelle foglie, semi o frutti di più di 60 piante diverse, con i chicchi di caffè, le fave di cacao, le noci di cola e le foglie di tè che sono le più comuni. Altre fonti di caffeina includono supplementi di perdita di peso e fitness, che spesso usano la caffeina per energia extra, e quel settore delle bevande energetiche in continua espansione.

Nel 2016 le vendite di bevande energetiche negli Stati Uniti hanno raggiunto $ 25 miliardi, la maggior parte delle bevande includeva la caffeina come ingrediente chiave.

La dipendenza da caffeina è reale?

Gli esperti di assistenza sanitaria hanno discusso molto sul fatto che la caffeina abbia le stesse proprietà di dipendenza dall'alcol, dalle sigarette o dai farmaci di classe A. In effetti, un recente sondaggio ha rivelato che solo il 58% dei professionisti delle dipendenze ritiene che una persona possa sviluppare una dipendenza dalla caffeina.

Sebbene l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) abbia riconosciuto la dipendenza da caffeina come un disturbo clinico, gli Stati Uniti hanno pubblicato il DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali 5a Edizione) includendo solo caffeina nell'appendice per ulteriori indagini.

La caffeina non stimola l'area del cervello legata alla ricompensa e alla motivazione allo stesso modo delle anfetamine, della cocaina e della nicotina. I consumatori pesanti di caffeina non sono considerati una minaccia per se stessi o per la società allo stesso modo degli utenti di droghe illegali.

 E la maggior parte degli utenti di caffeina non ha bisogno di aiuto professionale o medico per liberarsi della loro abitudine di caffeina.

C'è una differenza tra dipendenza fisica da una sostanza e dipendenza. Il caso della dipendenza da caffeina sta prendendo piede con un recente studio sponsorizzato dal National Institute on Drug Abuse che conferma che la caffeina crea dipendenza. Per essere considerato un tossicodipendente una persona deve soddisfare quattro criteri:

  • Devono sviluppare una graduale tolleranza agli effetti della sostanza.
  • Una persona deve mostrare sintomi di astinenza quando smette di usare la sostanza.
  • Continuano ad usare la sostanza anche se causa o aggrava problemi medici.
  • Ripetuti tentativi falliti di interrompere l'uso della sostanza.

Sebbene milioni di americani dichiarino di essere dipendenti dalla caffeina, la maggior parte di loro dipende solo dalla caffeina e non dai veri tossicodipendenti. Lo studio ha concluso che solo una piccola ma sconosciuta percentuale di americani ha una vera dipendenza da caffeina.

Cosa rende la caffeina avvincente?

Personalmente, mi piace il sapore di una buona tazza di Joe e mi considererei un po 'un intenditore di caffè, ma ammetterò anche di godere del calcio che dà. La maggior parte delle persone conosce la caffeina per i suoi effetti sul cervello - dove può aiutare a aumentare la vigilanza, la concentrazione e la motivazione al lavoro.

Molte volte come studente ho anche preso facilmente le pillole di caffeina disponibili per rimanere zveglio tutta la notte.

La struttura chimica della caffeina ricorda da vicino quella dell'adenosina, una sostanza chimica che ha un effetto rilassante sul sistema nervoso centrale.

 La caffeina può adattarsi ai recettori del cervello creati per l'adenosina e bloccare i sentimenti di stanchezza quando l'adenosina si lega a questi recettori. I recettori bloccati favoriscono anche il rilascio di altri stimolanti naturali come la dopamina, che possono ulteriormente aumentare la vigilanza e ridurre la sensazione di stanchezza.

La caffeina può diventare fisicamente coinvolgente quando il cervello risponde al consumo regolare aumentando il numero di recettori per compensare quelli bloccati dalla caffeina. Questo bisogno di più caffeina può spiegare perché alcune persone accumulano una tolleranza e vogliono una "dose di caffeina" più intensa o più grande.

Ridurre l'assunzione di caffeina può lasciare il cervello con significativi recettori adenosina liberi sbloccati. Questo può portare a forti sentimenti di stanchezza spesso associati al tacchino freddo. Una tazza di cappuccino a forma di cuore nella schiuma, circondata da chicchi di caffè.

I rischi per la salute di troppa caffeina

Nonostante siano stati dichiarati sicuri per il consumo dalla FDA, ci sono stati molti studi che evidenziano gli effetti nocivi della caffeina. Così come l'insonnia più comunemente conosciuta, la caffeina può portare ad ipertensione, problemi di salute cardiaca tra cui un aumentato rischio di infarto e problemi di salute mentale come ansia e depressione.

La caffeina è stata anche collegata a una minore fertilità nelle donne ed è stato riportato che altera il metabolismo del glucosio per i diabetici di tipo 2. (fonte)

I giovani adulti con diagnosi di ipertensione erano quattro volte più soggetti a soffrire di infarto se consumavano la caffeina equivalente a quattro tazze di caffè. (fonte) Consumare solo 250 mg di caffeina (o circa due tazze di caffè) eleva la pressione sanguigna delle persone con ipertensione per circa 2-3 ore dopo la caffeina. (fonte)

L'eccessivo consumo di caffeina porta più comunemente a mal di testa, insonnia, incontinenza e persino obesità. La caffeina presente in molte bibite zuccherate o bevande a base di energia può spesso portare a consumare più persone. (fonte)

Alcune persone possono anche avere un'allergia alla caffeina o una tolleranza inferiore che può portare a sovradosaggio di caffeina. Nonostante non sia stato elencato nel manuale del DSM-5 come una malattia mentale, l'intossicazione da caffeina è inclusa come diagnosi.

I benefici della caffeina

Non sono tutte brutte notizie per la tua tazza di caffè mattutina.

 A differenza della maggior parte delle altre dipendenze, la caffeina può effettivamente avere alcuni benefici per la salute. Oltre a tenerti sveglio e vigile, la ricerca ha dimostrato che il caffè può migliorare la funzione cerebrale e ridurre il rischio di malattia di Alzheimer.

La caffeina è anche nota per aumentare il metabolismo e aumentare il tasso di combustione dei grassi. La caffeina mescolata con carboidrati può aiutare a reintegrare il glicogeno muscolare più velocemente dopo l'esercizio e gli studi hanno dimostrato che la caffeina può ridurre il guadagno muscolare post-allenamento fino al 48%.

Altri benefici per la salute includono la caffeina come detergente per il fegato, per stimolare la crescita dei capelli, per proteggersi dalla cataratta e anche per aiutare a prevenire i calcoli renali.

Anche se è noto che troppa caffeina compromette il metabolismo del glucosio nei diabetici di tipo 2, alcuni studi hanno anche dimostrato che alcune persone che bevono regolarmente bevande contenenti caffeina possono ridurre il rischio di malattie cardiache e diabete di tipo 2

La chiave per una buona salute come al solito è la moderazione. Bere caffè, tè o bevande energetiche con moderazione potrebbe migliorare la vostra salute.

Dovresti anche diffidare delle fonti nascoste di caffeina come integratori o aiuti dimagranti. Alcuni produttori aggiungono anche caffeina ai prodotti alimentari per sentirsi bene dopo aver mangiato.

Ritardare i sintomi della caffeina

Mal di testa e stanchezza sono i sintomi più comuni che si verificano in circa il 50 per cento delle persone che soffrono di astinenza da caffeina. Altri sintomi possono includere ma non limitarsi a:

  • Ansia
  • Irritabilità
  • Depressione
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sonnolenza
  • Cervello annebbiato
  • Sintomi simil-influenzali inclusi dolori muscolari
  • letargo
  • Nausea e vomito

Il ritiro della caffeina può essere un'esperienza molto spiacevole. Fortunatamente per la maggior parte dei consumatori dovrebbe durare solo una settimana, ma per gli utenti più pesanti, in particolare quelli che consumano 1000 mg o più al giorno, può durare due mesi o più. Tuttavia, i sintomi peggiori di solito scompaiono dopo la prima settimana.

Alcune persone credono che alti livelli di caffeina possano cambiare in modo permanente la chimica del loro cervello. Le variazioni dei livelli di dopamina che si verificano con la caffeina giornaliera possono richiedere più tempo o non tornare mai ai livelli normali.

Quando si tratta di smettere di fumare tacchino freddo, i sintomi non tendono a durare tanto a lungo e sono molto più miti rispetto a quelli legati a dipendenze più forti.

 Normalmente la cessazione della caffeina è ottenuta senza alcun aiuto professionale. È molto raro che qualcuno entri in una clinica di riabilitazione per la dipendenza da caffeina, anche se succede come abbiamo visto con il povero vecchio Robbie!

Chi dovrebbe smettere di bere caffè o caffeina?

Bere caffè o altro caffe